Photo by Gosia Oledzka on Unsplash

Helleborus, un dolce inganno

L’helleborus è una pianta erbacea sempreverde appartenente alla famiglia delle Ranunculaceae, nota con il nome comune di elleboro o Rosa di Natale.

L’elleboro è la pianta dell’inganno.

Ha un carattere discreto, delicato, con fiori portati reclinati. I petali sembrano persino creare la gonna di una ballerina. Ma non vi fate ingannare dal suo dolce aspetto, l’elleboro è una pianta velenosa in tutte le sue parti!

Dietro all’immagine dell’elleboro si nascondono miti e legende per tutti i gusti. Pensa che gli antichi greci lo utilizzarono per vincere la maggior parte delle guerre, avvelenando le armi e i pozzi in cui i nemici si approvvigionavano di acqua. Nel Medioevo era considerata la pianta delle streghe!!

Ovviamente l’utilizzo contemporaneo è molto differente e vedremo come utilizzarla nell’ultimo paragrafo. Ma ricorda di non inserirla dove ci sono bambini o cani incustoditi!

Sicuramente se ti piace fare camminate in montagna ti sarà capitato di vederla crescere spontanea nel sottobosco (Immagine 1). Le specie spontanee più diffuse sono l’Elleborus viridis, diffuso soprattutto nel Nord Italia; l’Helleborus foetidus, diffuso nei terreni sassosi e l’Helleborus niger su Alpi e Prealpi, in terreni calcarei.

Immagine 1 – Helleborus viridis, spontanea nei sottoboschi montani

Come avrai capito si tratta di piante da sottobosco, amano l’ombra o la mezz’ombra. E’ una pianta facile da coltivare e resistente alle basse temperature.

Il grande privilegio di questa pianta è che fiorisce in inverno. I suoi fiori amano il freddo e possiamo trovarli del colore e forma che più desideriamo.

Questo ci permette di portare un tocco di colore nella stagione invernale.

Immagine 2 – Helleborus orientalis ‘Double Black’

SPECIE E VARIETA’

Le varietà di Helleborus in commercio sono davvero tante, vediamo insieme le più comuni e le più strane. Ovviamente la scelta andrà fatta in base alle caratteristiche che ricerchiamo nella pianta. Fioritura invernale? Buona resistenza alle temperature? Colori sgargianti?

Vediamole insieme:

Elleborus niger: Già citato in precedenza si trova spontaneo nei sottoboschi. La fioritura, che avviene nel mese di dicembre, è di colore bianco puro con le antere gialle. Fogliame verde scuro di buona consistenza. Vista la sua provenienza è consigliabile utilizzarlo al Nord Italia in terreni argillosi freschi, fertili e ben drenati.

Immagine 3 – Helleborus niger

L’Helleborus orientalis è una varietà sempreverde che fiorisce in inverno. Sono state selezionate diverse specie differenti per portamento e tipo di fiore.

Immagine 4 – Helleborus orientalis ‘Anemnone Picotee’

Immagine 5 – Helleborus orientalis ‘Apricot’, varietà a fiore semplice di un insolito colore albicocca chiaro, con venature e margini più accentuati.

Immagine 6 – Helleborus orientalis ‘Slaty Blue’, fioritura dal colore prugna

Immagine 7 – Helleborus orientalis ‘Tutu’, incredibile ibrido dalla fioritura di un rosa carico. Fiorisce da febbraio ad aprile

Immagine 8 - Helleborus orientalis ‘Double white’

ACCOSTAMENTI CONSIGLIATI

In inverno il giardino viene molto spesso trascurato. Spazi vuoti e mal ridotti. Splendidi prati verdi coperti da una bianca galaverna, e tutto ciò che rimane delle piante sono rami spogli e qualche aiuola vuota.

Il fascino del giardino invernale è sottovalutato come è sopravvalutato il giardino primaverile. In tutte le stagioni possiamo inserire specie che ci regalino emozione. E l’elleboro rappresenta il jolly invernale, offrendoti splendidi fiori in questa parte dell’anno in cui tutto sembra perduto. Dobbiamo piantare l’elleboro in zone del giardino riparate dalla chioma di alberi o arbusti a foglia caduca e dove le sue radici possano godere di un’ambiente fresco e umido.

L’elleboro è valorizzato se piantato in massa come nel suo habitat naturale. Giochiamo con i colori e le varietà di elleboro per creare delle nuance eleganti e raffinate.

Immagine 9 – l’Helleborus in gruppo regala fiumi di colori dal bianco, al rosa, al porpora che possono illuminare un’area buia del nostro giardino.

Immagine 10 – Associamo diverse varietà di elleboro per creare nuance di colori in armonia

Se vogliamo associare l’elleboro ad altre specie possiamo provare quest’associazione: Heuchera, Geranium macrorrhizum, Carex, Hakonechloa macra e Hosta e se volete osare inserite un Cornus alba ‘Elegantissima’, l’effetto wow è assicurato!

È una pianta molto piccola e delicata, utilizziamola con delicatezza e in abbondanza. Provala e facci sapere i risultati nel tuo giardino, siamo sicuri che non ti deluderà!